Reportage /

Vietnam

DORMIRE IN HOMESTAY A SAPA

di Fabrizio Paravisi - Ultimo aggiornamento: 2017-08-16

Introduzione

Sapa è una cittadina nel nord del Vietnam, al confine fra Laos e Cina. E' famosa per le spettacolari terrazze di riso che vengono coltivate a mano dagli abitanti dei villaggi. In questi luoghi sono presenti diverse minoranze etniche, che mantengono vive le tradizioni ed i costumi locali.
Sono proprio queste famiglie che offrono servizi di homestay: è possibile dormire in casa loro e vivere in prima persona il loro stile di vita. E' un'esperienza assolutamente imperdibile e senza dubbio la migliore del mio viaggio in Vietnam.
In questo articolo ho riassunto le informazioni principali, alcuni contatti ed i luoghi migliori dove dormire.

  • Le risaie al sorgere del sole lungo la strada che porta a Ta Phin

  • I sacchi di sabbia servono per delimitare le risaie e fungono anche da sentiero.

Quando andare

E' possibile visitare Sapa durante tutto l'anno, ogni stagione offre uno spettacolo diverso e caratteristico. I periodi consigliati sono marzo-maggio e settembre-novembre, nei quali c'è la semina e la raccolta del riso.

Da dicembre a febbraio

Sono i mesi più freddi che corrispondono alla stagione invernale, le temperature scendono fin sotto lo 0°C e può anche nevicare. Gennaio è il mese più freddo ed anche il più nebbioso, il cielo sembra costantemente nuvoloso e la visibilità è ridotta. Le precipitazioni sono poco frequenti, ridotte ad un quinto rispetto alla stagione estiva.

Da marzo a maggio

Con la primavera le temperature si alzano, la nebbia diminuisce e le montagne si colorano di fiori. E' il periodo ideale per fare trekking fra i villaggi, per ammirare lo stile di vita e la cultura delle varie etnie. Intorno alla fine di maggio inizia la semina del riso e le terrazze sono colme d'acqua, che regalano scorci indimenticabili.

Da giugno a agosto

A inizio giugno si conclude il lavoro nelle risaie e le terrazze si riempiono di un verde acceso. Durante l'estate le piogge sono molto frequenti ed è necessario attrezzarsi a dovere per non bagnarsi. Le temperature di giorno si aggirano attorno ai 25°, mentre la notte è più fresca con i suoi 15°.

Da settembre a novembre

A settembre inizia la raccolta del riso e le risaie si colorano di giallo. Come per la primavera l'autunno offre un clima gradevole: il basso livello di precipitazioni combinato con la temperatura fresca, rendono molto piacevole il soggiorno a Sapa.

Cat Cat

Coltivazione del riso alla periferia di Cat Cat

Come arrivare

Sapa è ben collegata con le principali città tramite autobus di linea, mentre Hanoi si può raggiungere anche in treno.

Da Hanoi a Sapa

Treno

La linea ferroviaria collega la stazione centrale di Hanoi con Lao Cai, città a circa 30km da Sapa. Il biglietto può essere aquistato online tramite intermediari ed il costo è di circa 60€ a/r. Se invece acquistate il biglietto in loco il prezzo è dimezzato, perchè non ci sono costi di commissione.
Io avevo prenotato il biglietto Lao Cai - Hanoi tramite il sito Baolau, carrozza "violet train", la ricevuta spedita via email valeva come biglietto. Durante i trekking fra i villaggi di Sapa ho perso la cognizione del tempo e sono andato in stazione a Lao Cai il giorno successivo a quello prenotato. Ovviamente ho perso la prenotazione (30€) e ho comprato un nuovo biglietto direttamente al desk, al costo di 15€. Fortunamente c'era posto nelle carrozze con i lettini, altrimenti avrei dovuto fare il viaggio seduto.
Se consultate il sito che ho indicato in precedenza potete vedere orari, costi e durata del viaggio.

Bus

Con la nuova autostrada che è stata aperta fra Hanoi e Lao Cai, il bus forse è il mezzo più rapido comodo ed economico per raggiungere Sapa. Sono disponibili i bus diurni con i classici posti a sedere, oppure i bus notturni con i lettini. Il prezzo si aggira attorno ai 30€ a/r.
Di seguito dove prenotare e ulteriori info.
Sapa Express

Da Lao Cai a Sapa

Autobus

C'è un servizio di bus pubblici che copre la tratta Lao Cai - Sapa, il costo è di circa 30.000 Dong. Il bus (linea 1) si ferma alla stazione di Lao Cai e arriva a Sapa in zona chiesa, a questo link la posizione indicativa. Se scaricate l'applicazione MAPS.ME trovate la posizione corretta con l'icona di un autobus. Se non sbaglio le corse sono ogni ora fino alle 17, c'è un tabellone con scritti gli orari nei pressi delle fermate.

Minivan

Fuori dalla stazione di Lao Cai ci sono diversi minivan pronti a portarvi a Sapa, il costo si aggira attorno ai 50.000 Dong e il viaggio dura circa 40 minuti. Se vi chiedono una cifra più alta trattate il prezzo, oppure rivolgetevi a qualcun'altro.

  • Due bimbe hmong lungo il sentiero fra Cat Cat e Lao Chai

  • Il panorama appena prima di arrivare a Lao Chai.

Come muoversi

A piedi

Il modo migliore per spostarsi fra i villaggi di Sapa è a piedi! I sentieri che solcano le montagne circostanti permettono di ammirare il panorama, incontrare la gente del posto e scattare fotografie. E' possibile spostarsi in autonomia oppure rivolgersi ad una guida, scriverò un articolo specifico a riguardo. Comunque di seguito trovate i contatti di Ha, una guida del posto.

Taxi

Se dovete spostarvi in città o negli immediati dintorni potete usare i taxi, di solito non sono troppo costosi e si può contrattare il prezzo. In giro per la città ce ne sono diversi, in particolare alla fermata degli autobus.

Scooter taxi

Un'esperienza indimenticabile e terrificante allo stesso tempo è utilizzare gli scooter taxi. In pratica chi ha uno scooter offre passaggi a pagamento in giro per Sapa e dintorni, il costo è irrisorio e altamente trattabile. L'ho utilizzato un paio di volte per spostarmi da Ta Phin a Sapa (100k Dong) e da Lao Chai a Sapa (50k Dong), in entrambe le occasioni ho incrociato le dita per tutto il viaggio!

Noleggio scooter

Per visitare le zone poco battute attorno a Sapa è possibile noleggiare uno scooter/moto. Ci sono molti noleggiatori sparsi per la città ed il prezzo è trattabile. Le strade sono in pessime condizioni ed il traffico intenso, se scegliete questa opzione fate molta attenzione.

Homestay

Homestay significa letteralmente "alloggio in famiglia", ossia soggiornare nella casa di una famiglia del posto. Ma non è soltato questo, è molto di più. Homestay è soprattutto condivisione: i membri della famiglia ti accolgono e condividono con te la loro vita, il loro modo di vivere, la loro cucina, i loro usi e costumi. E' il modo migliore per conoscere la cultura di un popolo e per raccogliere informazioni sul territorio.
Le homestay migliori sono ovviamente quelle in case tradizionali, offerte da famiglie di minoranze etniche. Da evitare le strutture moderne che non sono vere e proprie homestay, ma una sorta di hotel che sfruttano semplicemente il nome per attirare i turisti.

  • Si prepara la colazione nella homestay di Ha, a Lao Chai

  • E la cena

  • La tavola imbandita, si mangia tutti insieme servendosi dalle varie ciotole

Come trovare una homestay

Io non ho assolutamente considerato l'opzione agenzia, preferisco muovermi in autonomia portando soldi direttamente alle famiglie. Ho camminato da solo nei villaggi e in loco ho trovato dove dormire. Molto spesso gli abitanti (di solito le donne) chiedono se cercate una homestay, in alternativa basta chiedere. Di seguito i contatti della struttura in cui mi sono trovato meglio, anche per il luogo davvero suggestivo.

Homestay a Lao Chai

Lao Chai (da non confondere con Lao Cai) è un piccolo villaggio a circa 7km da Sapa, inserito nel cuore di una vallata davvero pittoresca, completamente ricoperta da risaie. E' il luogo che offre le migliori opportunità fotografiche e anche le migliori homestay. La popolazione locale è di etnica Black H'Mong, che si contraddistingue per l'abbigliamento di color nero con inserti multicolore.

A Lao Chai ho dormito due notti con una famiglia Black H'Mong, la casa è in una posizione molto panoramica con splendida vista sulla valle. Per prenotare e avere informazioni su prezzi e come raggiungere il luogo potete contattare "Ha" tramite facebook. Lei fa anche la guida quindi puo accompagnarvi a fare trekking. Potete ad esempio darvi appuntamento a Sapa e arrivare insieme a piedi a Lao Chai, per poi soggiornare presso la sua homestay. Parla perfettamente inglese quindi non avrete problemi ad organizzarvi.
Ci sono diversi posti letto in camere private, il bagno è in comune all'esterno dell'edificio, dotato di doccia con acqua calda.
Pagina facebook di Ha

  • Ha all'ingresso della sua Homestay a Lao Chai

  • Intenta a preparare la cena

  • La cucina dove l'acqua scorre di continuo

  • Taglio della zucca da cucinare per cena

  • Le erbe raccolte nell'orto

  • Ha nei pressi di Ta Van

Ha puo aiutarvi anche ad organizzare un trekking fra i vari villaggi dormendo in homestay diverse, accompagnandovi lungo il percorso ad un prezzo molto conveniente.

Durante il soggiorno

Conoscere Ha è stata una fortuna. Parla un ottimo inglese e quindi ho potuto imparare molto sulla cultura Hmong. Abbiamo raccolto insieme le verdure del loro orto: le foglie di patate dolci, lo zenzero, i fagiolini, le erbe "susu" e tutto il necessario per cucinare un'ottima cena. Mi ha mostrato come preparare alcuni piatti della loro cucina, fra i quali anche gli involtini primavera. Ormai sono un asso ad arrotolare le verdure nei fogli di carta di riso! Sempre insieme siamo andati nei negozi del villaggio a fare la spesa, ho conosciuto tante persone e mi sembrava di far parte della loro comunità.
Sua madre ha sempre il sorriso sulle labbra e dopo avermi fatto assaggiare diversi bicchieri del suo vino di riso, anche io ero molto allegro. Mi sono sentito subito a casa e per questo è stata un'esperienza indimenticabile.

  • Il fuoco dove si cucinano tutti i piatti

  • Puliamo le verdure appena raccolte

  • Ha impegnata a raccogliere le foglie di patate dolci

  • E lo zenzero

  • Bandierine appesa in casa per proteggerla dagli spiriti, qui si pratica lo sciamanesimo

  • Le risaie che si incontrano durante il trekking in direzione Ta Van

  • Le risaie che si incontrano durante il trekking in direzione Ta Van

  • Gli abitanti piantano il riso

  • Il panorama di Lao Chai

Cosa portare

Per il pernottamento viene fornito tutto il necessario, anche salvietta e ciabatte per fare la doccia. Per quanto riguarda il trekking invece qualche consiglio:

  • Scarpe da trekking, non sono obbligatorie ma le consiglio perchè spesso i sentieri sono pieni di fango e scivolosi, soprattutto se inizia a piovere.
  • Kway, per proteggersi dalla pioggia
  • Navigatore, se viaggiate da soli consiglio di installare l'applicazione MAPS.ME, permette di scaricare le mappe offline e ci sono numerosi sentieri mappati. Consiglio inoltre di portare una batteria esterna per ricaricare il cellulare, io utilizzo questa.
  • Lao Chai con la luce del tramonto

  • Le risaie attorno Lao Chai durante il tramonto

Hai aggiornamenti o informazioni aggiuntive?

Se hai degli aggiornamenti riguardo servizi,costi, o altre informazioni che potrebbero essere utili, mandami una MAIL!
Scrivimi anche se hai bisogno di qualche consiglio, o solo per salutarmi!